Il muso fuori dalla tana

GEORGE SOROS E LA SCOMMESSA SUL "TONFO" DELLA CINA